Corso di Propagazione

Dall’ Anno Accademico 2009- 2010 i due moduli del corso di Propagazione ritornano, come fu nel passato, ad essere due parti coordinate di uno stesso insegnamento nell’ambito della Laurea Magistrale. Per gli studenti che hanno frequentato in anni precedenti i programmi sono quelli già definiti e che vengono riportati di seguito sotto le denominazioni LS-A e LS-B.  Se esistono ancora studenti del vecchio ordinamento il programma è immutato e corrisponde a quello dell’anno di corso.

Naturalmente potete continuare a mandare via Email segnalazioni di qualunque tipo riguardanti le dispense. Gli errori trovati, le difficoltà incontrate ecc. Grazie per la cortese collaborazione

PROPAGAZIONE LS-A

Introduzione storica. Diverse accezioni di mobilità e suo ottenimento nei diversi sistemi d’area. Propagazione ideale e reale: modalità di propagazione anomale (ionosferica, troposcatter) e analisi delle fonti di differenziazione tra ambiente reale e ideale. Effetto dell’atmosfera, con cenni sulla ottica geometrica. Effetto dell’elissoide terrestre con cenni sulla riflessione reale. Effetto degli ostacoli con cenni di teoria geometrica della diffrazione e ottica fisica. Applicazione a i ponti radio terrestri e satellitari. Analisi a banda stretta della distribuzione di campo e.m. : formule per il calcolo dell’attenuazione nei sistemi d’area nelle varie situazioni macrocellulari, microcellulari, indoor ecc. Effetto dei cammini multipli a banda stretta. Calcolo della copertura di una cella per il GSM. Calcolo della copertura per sistemi radiotelevisivi. Elementi di compatibilità elettromagnetica nei sistemi d’area: distribuzione e pianificazione delle frequenze sul territorio. Schemi di copertura con antenne direttive. Macrodiversità. Analisi dell’interferenza e dell’efficienza spettrale per sistemi a canalizzazione ortogonale. Impatto ambientale dei sistemi radio sul territorio e sua minimizzazione. Il radar primario: calcoli di potenza e di range.

PROPAGAZIONE LS-B

Schema architetturale di un sistema GSM.. Handover. Canale tempo variante e affetto da cammini multipli: caratterizzazione a banda larga. Statistica del canale radiomobile: la ipotesi Gaussian Wide Sense Stationary Uncorrelated Channel. Esempi in particolare per il GSM. Diversità implicita e ottenuta con Frequency hopping interleaving ecc. La sezione r.f. del GSM: descrizione e motivazione delle scelte. La rappresentazione generale del segnale radio. Chiave di canale e di informazione. Decodifica a crescente quantità di informazione. Il MAP.I codici come chiavi di canale e di informazione. Il CDMA: esempi. Cenno sull’UMTS. Pianificazione per schemi CDMA: efficienza spettrale.Cenni sulla teoria dell’informazione e uso dl teorema di Shannon per identificare i limiti ultimi per l’accesso e la codifica. La precisione nel RADAR. Altri sistemi di telerilevamento. Architettura e prestazioni del GPS.

PROPAGAZIONE Laurea Magistrale da AA 2009-2010

Introduzione storica: i pionieri delle comunicazioni senza fili. Propagazione ideale e reale: modalità di propagazione anomale (ionosferica, troposcatter) e analisi delle fonti di differenziazione tra ambiente reale e ideale. I sistemi d’area e la loro importanza nella gestione della mobilità. Diverse accezioni di mobilità e suo ottenimento nei diversi sistemi d’area.  Effetto dell’atmosfera, con cenni sulla ottica geometrica. Il concetto di diversità. Effetto dell’elissoide terrestre con cenni sulla riflessione reale. Effetto degli ostacoli con cenni di teoria geometrica della diffrazione e ottica fisica. Applicazione ai ponti radio terrestri e satellitari. Analisi a banda stretta della distribuzione di campo e.m. : formule per il calcolo dell’attenuazione nei sistemi d’area nelle varie situazioni macrocellulari, microcellulari, indoor ecc. Effetto dei cammini multipli a banda stretta. Calcolo della copertura di una cella per il GSM. Calcolo della copertura per sistemi radiotelevisivi. Elementi di compatibilità elettromagnetica nei sistemi d’area: distribuzione e pianificazione delle frequenze sul territorio. Schemi di copertura con antenne direttive. Impatto ambientale dei sistemi radio sul territorio e sua minimizzazione.

La rappresentazione generale del segnale radio. Introduzione alla chiave di canale e di informazione. Canale tempo variante e affetto da cammini multipli: caratterizzazione a banda larga. Statistica del canale radiomobile: la ipotesi Gaussian Wide Sense Stationary Uncorrelated Channel. Esempi in particolare per il GSM. Diversità implicita e ottenuta con Frequency hopping interleaving ecc.

 La sezione r.f. del GSM: descrizione e motivazione delle scelte. Schema architetturale di un sistema GSM. Handover. Analisi dell’interferenza e dell’efficienza spettrale per sistemi a canalizzazione ortogonale come il GSM. Approfondimento sulla chiave di canale e di informazione. Decodifica a crescente quantità di informazione. Il MAP.I codici come chiavi di canale e di informazione. Il CDMA: esempi. Cenno sull’UMTS. Pianificazione per schemi CDMA: efficienza spettrale.Cenni sulla teoria dell’informazione e uso dl teorema di Shannon per identificare i limiti ultimi per l’accesso e la codifica.

Il radar primario: calcoli di potenza e di range. La precisione nel RADAR. Altri sistemi di telerilevamento. Architettura e prestazioni del GPS.

Aggiornamenti alle dispense

(Da scaricare e utilizzare per la preparazione dell’esame)

 

Esercizi con soluzioni

(Da scaricare in formato pdf)

 

Complementi per le lezioni

(Il materiale presente in questa sezione può essere scaricato)

 

Seminari a corredo al corso

(Il materiale presente in questa sezione può essere scaricato)